martedì 31 maggio 2016

L'inno greco alla Vergine santissima: "Axion estin" - "E' veramente giusto". A conclusione del mese di mariano





Icona della Panaghia Axion estin, la cui festa si celebra l'11 giugno, conservata presso la chiesa metropolitana della Dormizione della Vergine, a Karyes, capitale del Monte Athos

Versione russa dell'icona della Vergine Axion estin









Informazioni sull'inno Ἄξιον ἐστίν, Axion estin, attribuito nella seconda parte a S. Cosma di Maiuna o l'Innografo o di Gerusalemme o l'Agiopolita o il Poeta o il Melode (+ 773) e nella prima all'arcangelo S. Gabriele, che l'avrebbe ispirata ad un monaco del Monte Athos un sabato del 980, sono in Cantuale antonianum, 8.12.2014, nonché in Anamnesis ed in Full of Grace, Oct. 6, 2012.

La crisi della Chiesa alla luce del segreto di Fatima

Dopo la clamorosa rivelazione del teologo tedesco P. Döllinger, torna a far parlare di sé il c.d. Terzo Segreto di Fatima. Ne avevamo parlato anche noi nei giorni scorsi (v. qui). 
Si conferma, alla luce delle parole dell’amico e confidente di Benedetto XVI, quel che lo scrittore e giornalista cattolico Antonio Socci aveva sempre sostenuto, e fatto proprio in un celebre libro, e cioè che del Terzo Segreto fosse stata rivelata, nel 2000, solo una parte: per l’esattezza quella riguardante la visione, ma non quella relativa alle spiegazioni fornite dalla Vergine a Giacinta e Lucia (le quali, uniche tra i tre pastorelli, potevano udire la voce della Madonna: Francesco aveva la visione, ma non ne udiva la voce. Per questo, la Vergine autorizzò le sue compagne a rivelare al bambino le parole dette). La Sala Stampa ha smentito le clamorose rivelazioni del prof. Döllinger (il quale, a sua volta, ha confermato, parola per parola, quanto aveva rivelato: cfr. Fatima forever. Dollinger risponde a BXVI, in Chiesa e postconcilio, 23.5.2016). Ma si è trattata di una strana smentita. In ogni caso, come notato di recente dallo stesso Socci, la smentita è, in un certo qual modo, veritiera, perché la Santa Sede, a partire da Giovanni XXIII, ha considerato rivelazione (privata) soprannaturale solo la visione, mentre le parole della Vergine sono state ritenute mere elaborazioni, interpretazioni e riflessioni di suor Lucia. Per cui, ciò che è stato stimato come soprannaturale è stato effettivamente rivelato nel 2000. Manca, ovviamente, l’altra parte, quella didattica della santa Vergine, ritenuta, a torto, non soprannaturale nel clima euforico, e contrario ai “profeti di sventura”, instauratosi col Concilio Vaticano II (cfr. Antonio Socci, La verità sul terzo segreto di Fatima e perché se ne torna a parlare (se ne astengano i dilettanti), in blog Lo straniero, 28.5.2016).
Sta di fatto che proprio quella parte didattica, ovvero la spiegazione che la Madonna offrì della visione, sta rivelandosi drammaticamente vera. Ed i frutti sono sotto gli occhi di tutti.
L'ultimo giorno di maggio è, per disposizione di papa Pio XII, dedicato alla festa della Beata Vergine Maria Regina, a conclusione del mese mariano: quest'anno, però, a causa dell'Ottava del Corpus Domini, la festa trasla al 4 giugno. Tuttavia, consideriamo pur sempre tale ricorrenza, nella quale rilanciamo volentieri questo contributo del prof. De Mattei proprio sul tema della crisi della Chiesa alla luce del Terzo Segreto, tradotto in inglese dall’immancabile Rorate caeli.


Marco Palmezzano, Incoronazione della Vergine con i SS. Benedetto e Francesco d'Assisi, 1494-96, Pinacoteca, Brera


Paolo Veronese, Incoronazione della Vergine, 1555, Sacrestia, Chiesa di S. Sebastiano, Venezia

Giorgio Vasari, Incoronazione della Vergine, 1571, Chiesa di S. Caterina, Livorno

Bernardo Lorente Germán, Incoronazione della Vergine Immacolata, XVII-XVIII sec., Collezione Carmen Thyssen-Bornemisza, Malaga

Guido Reni, Madonna della Sedia, 1624-25, Museo del Prado, Madrid

Juan Luis Zambrano, Incoronazione della Vergine, 1638 circa, collezione privata, Madrid

Diego Rodriguez de Silva y Velázquez, Incoronazione della Vergine, 1635-36, Museo del Prado, Madrid

Copia di Diego Rodriguez de Silva y Velázquez, Incoronazione della Vergine, XVIII-XIX sec., Museo del Prado, Madrid

Pedro de Calabria, Incoronazione della Vergine, XVIII sec., Museo del Prado, Madrid

Luigi Mussini, Incoronazione della Vergine, XIX sec., Cattedrale, Siena

La crisi della Chiesa alla luce del segreto di Fatima

di Roberto de Mattei

L’anno del centenario di Fatima (2016-2017) è stato aperto, il giorno di Pentecoste, da una notizia che ha suscitato clamoreIl teologo tedesco Ingo Döllinger ha riferito al sito One Peter Five che, dopo la pubblicazione del Terzo Segreto di Fatima, il cardinale Ratzinger, gli avrebbe confidato: «Das ist noch nicht alles!», «Non è ancora tutto».
La Sala Stampa Vaticana è intervenuta con un’immediata smentita in cui si dice che «il Papa emerito Benedetto XVI rende noto “di non aver mai parlato col prof. Döllinger circa Fatima” e afferma chiaramente che le esternazioni attribuite al prof. Döllinger su questo  tema “sono pure invenzioni, assolutamente non vere” e conferma decisamente: “La pubblicazione del  Terzo Segreto di Fatima è completa”».
La smentita non convince chi, come Antonio Socci, ha sempre sostenuto l’esistenza di una parte non divulgata del segreto che parlerebbe dell’abbandono della fede da parte dei vertici della Chiesa. Altri studiosi, come il dott. Antonio Augusto Borelli Machado, giudicano integrale e tragicamente eloquente il segreto divulgato dalla Santa Sede. Sulla base dei dati a nostra disposizione, non si può affermare oggi con assoluta certezza né che il testo del Terzo Segreto sia integrale, né che esso sia incompleto. Ciò che invece appare assolutamente certo è che la profezia di Fatima è incompiuta e che il suo compimento riguarda una crisi nella Chiesa senza precedenti.
Va ricordato a questo proposito un importante principio ermeneutico. Il Signore, attraverso rivelazioni e profezie che nulla aggiungono al deposito della fede, ci offre talvolta una “direzione spirituale” per orientarci nelle epoche più oscure della storia. Ma se è vero che le parole divine proiettano luce sulle epoche tenebrose, è anche vero il contrario: gli eventi storici, nel loro drammatico svolgimento, ci aiutano a comprendere il significato delle profezie.
Quando, il 13 luglio del 1917, la Madonna annunziò a Fatima che se l’umanità non si fosse convertita, la Russia avrebbe diffuso nel mondo i suoi errori, queste parole apparivano incomprensibili. Furono i fatti storici a svelarne il significato. Dopo la Rivoluzione bolscevica dell’Ottobre 1917 fu chiaro che l’espansione del  comunismo era lo strumento di cui Dio voleva servirsi per castigare il mondo dei suoi peccati.
Tra il 1989 e il 1991, l’impero del male sovietico si è apparentemente sgretolato, ma la scomparsa dell’involucro politico ha permesso una maggiore diffusione nel mondo del comunismo, che ha il suo nucleo ideologico nell’evoluzionismo filosofico e nel relativismo morale. La “filosofia della prassi”, che secondo Antonio Gramsci riassume la rivoluzione culturale marxista, è divenuta l’orizzonte teologico del nuovo pontificato, tracciato da teologi come il cardinale tedesco Walter Kasper e l’arcivescovo argentino Víctor Manuel Fernández, ispiratori dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia.
In questo senso non è dal segreto di Fatima che dobbiamo partire per comprendere l’esistenza di una tragedia della Chiesa, ma dalla crisi nella Chiesa per comprendere il significato ultimo del segreto di Fatima. Una crisi che risale agli anni Sessanta del Novecento, ma che con l’abdicazione di Benedetto XVI e il pontificato di Papa Francesco ha conosciuto un’impressionante accelerazione.
Mentre la Sala Stampa si affrettava a disinnescare il caso Döllinger, un’altra bomba esplodeva con ben maggior fragore. Nel corso della presentazione del libro del prof. don Roberto Regoli, Oltre la crisi della Chiesa. Il pontificato di Benedetto XVI, svoltasi nell’aula magna della Pontifica Università Gregoriana, mons. Georg Gänswein enfatizzava l’atto di rinuncia al pontificato di Papa Ratzinger con queste parole: «Dall’undici febbraio 2013 il ministero papale non è più quello di prima. È e rimane il fondamento della Chiesa cattolica; e tuttavia è un fondamento che Benedetto XVI ha profondamente e durevolmente trasformato nel suo pontificato d’eccezione».
Secondo l’arcivescovo Gänswein, le dimissioni del Papa teologo sono «epocali» perché hanno introdotto nella Chiesa cattolica la nuova istituzione del Papa emerito trasformando il concetto di munus petrinum, “ministero petrino”. «Prima e dopo le sue dimissioni Benedetto ha inteso e intende il suo compito come partecipazione a un tale “ministero petrino”. Egli ha lasciato il Soglio pontificio e tuttavia, con il passo dell’11 febbraio 2013, non ha affatto abbandonato questo ministero. Egli ha invece integrato l’ufficio personale con una dimensione collegiale e sinodale, quasi un ministero in comune. (…) Dall’elezione del suo successore Francesco il 13 marzo 2013 non vi sono dunque due papi, ma de facto un ministero allargato – con un membro attivo e un membro contemplativo. Per questo Benedetto XVI non ha rinunciato né al suo nome, né alla talare bianca. Per questo l’appellativo corretto con il quale rivolgerglisi ancora oggi è “Santità”; e per questo, inoltre, egli non si è ritirato in un monastero isolato, ma all’interno del Vaticano – come se avesse fatto solo un passo di lato per fare spazio al suo successore e a una nuova tappa nella storia del papato. (…) Con un atto di straordinaria audacia egli ha invece rinnovato quest’ufficio (anche contro l’opinione di consiglieri ben intenzionati e senza dubbio competenti) e con un ultimo sforzo lo ha potenziato (come spero). Questo certo lo potrà dimostrare unicamente la storia. Ma nella storia della Chiesa resterà che nell’anno 2013 il celebre Teologo sul Soglio di Pietro è diventato il primo “Papa emeritus” della storia».
Questo discorso ha un carattere dirompente e, da solo, dimostra come siamo non oltre, ma più che mai dentro la crisi della Chiesa. Il Papato non è un ministero che possa essere “allargato”, perché è un “ufficio”, attribuito personalmente da Gesù Cristo ad un unico Vicario e ad un unico successore di Pietro. Ciò che distingue la Chiesa cattolica da ogni altra chiesa o religione è proprio l’esistenza di un principio unitario e inscindibile incarnato nella persona del Sommo Pontefice. Il discorso di mons. Gänswein suggerisce una Chiesa bicefala e aggiunge confusione ad una situazione già fin troppo confusa.
Una frase collega la seconda e la terza parte del Segreto di Fatima: «In Portogallo si conserverà sempre il dogma della fede». La Madonna si rivolge a tre pastorelli portoghesi e li rassicura che il loro Paese non perderà la fede. Ma dove si perderà la fede? Si è sempre pensato che la Madonna si riferisse all’apostasia di intere nazioni, ma oggi appare sempre più chiaro che la perdita maggiore della fede, sta avvenendo tra gli uomini di Chiesa.
Un «vescovo vestito di bianco» e «vari altri vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose» sono al centro del Terzo Segreto, su uno sfondo di rovina e di morte, che è legittimo immaginare non solo materiale, ma spirituale. Lo conferma la rivelazione che suor Lucia ebbe a Tuy il 3 gennaio 1944, prima di scrivere il Terzo Segreto e che dunque è ad esso indissolubilmente legata. Dopo la visione di una terribile catastrofe cosmica, suor Lucia racconta di aver sentito nel cuore «una voce leggera che diceva: ’nel tempo, una sola fede, un solo battesimo, una sola Chiesa, Santa, Cattolica, Apostolica. Nell’eternità  il Cielo!».
Queste parole rappresentano la negazione radicale di ogni forma di relativismo religioso a cui la voce celeste contrappone l’esaltazione della Santa Chiesa e della Fede cattolica. Il fumo di Satana può invadere la Chiesa nella storia, ma chi difende l’integrità della Fede contro le potenze dell’inferno vedrà, nel tempo e nell’eternità, il trionfo della Chiesa e del Cuore Immacolato di Maria, definitivo suggello della tragica, ma entusiasmante, profezia di Fatima.

Le devozioni mariane in Terra Santa

(Cliccare sull'immagine per il video)

Pietro Novelli, Madonna col Bambino Salvator mundi, 1640, Chiesa di Sant'Orsola, Palermo

domenica 29 maggio 2016

Comunione in stato di peccato in aforisma di S. Brigida di Svezia


Strofe ecumenicamente scorrette per la nuova Chiesa negli inni "Lauda, Sion Salvatórem" e "Sacris solemniis"


"In hac mensa novi Regis, 
novum Pascha novæ legis, 
Phase vetus términat. ...."

"Dat panis cœlicus figuris terminum".


Ringraziamo un nostro giovane lettore per avercelo evidenziato.

Immagini per meditare nella Domenica nell'Ottava del Corpus Domini


Charles Zacharie Landelke, Angelo che regge il Calice, XX sec., collezione privata

“Tanto igne divíni amóris æstuábat, ut, ei feréndo impar, ingésta aqua pectus refrigeráre cogerétur. Extra sensus frequénter rapta, diutúrnas et admirábiles éxtases passa est, in quibus et arcána cæléstia penetrávit, et exímiis a Deo grátiis illustráta fuit” (Lect. V – II Noct.) - SANCTÆ MARIÆ MAGDALENÆ DE PAZZIS, VIRGINIS

La festa di quest’anima serafica del Carmelo di Firenze (+ 25 maggio 1607 e canonizzata da Clemente IX nel 1669) fu dapprima introdotta da Clemente X nel calendario, nel 1670, fissandola al 25 dello stesso mese, col rito semidoppio. In seguito, con l’istituzione della festa di san Gregorio VII nel 1728, fu portata al 27. Quando, nel 1899, Leone XIII estese, per lo stesso giorno, l’ufficio del Venerabile Beda alla Chiesa universale, santa Maria Maddalena dovette cedere il posto al nuovo dottore e la sua festa fu trasferita al 29.
Roma cristiana ha eretto una parrocchia alla nostra santa nel 1976, consacrata nel 1983, situato a Casal de’ Pazzi (quartiere Ponte Mammolo). La chiesa fu visitata da papa Giovanni Paolo II il 15 marzo 1987.
La messa è quella del Comune delle Vergini, come il 10 febbraio. La prima colletta è propria.
Tra i doni speciali, che hanno reso celebre santa Maria Maddalena, della nobilissima famiglia dei Pazzi di Firenze (quella stessa famiglia, per intenderci, che era antagonista dei Medici e che divenne celebre per la nota congiura ai danni di Giuliano e Lorenzo de’ Medici del 26 aprile 1478), notiamo il profumo, che, ancora oggi, emana delle sue spoglie verginali conservatesi senza corruzione.
Sono anche celebri le numerose rivelazioni che ebbe la Santa; tra esse ce n’è una che riguarda l’immensa gloria ottenuta in cielo da san Luigi Gonzaga. Una bella massima della Santa è anche rimarchevole. Santa Teresa aveva costume di ripetere: “O soffrire, o morire”. Santa Maria Maddalena modificò questa parola, e ne integrò il significato: “Non morire, ma soffrire”. Di fatto, tutta la nostra gloria futura dipende dalla parte che avremo avuto alla passione di Gesù. È solamente per questo che la vita è preziosa.


Anonimo, S. Maria Maddalena de' Pazzi in estasi riceve lo Spirito Santo per ogni giorno dell'ottava della Pentecoste in queste sette forme di Nuvola di Fuoco di Colonna, di Fiume, di Colomba, di Vento, XIX sec., collezione privata

Francesco Curradi, S. Maria Maddalena de' Pazzi,1626 

Andrea Sacchi, Le tre Maddalene (SS. Maria Maddalena del Giappone, Maria Maddalena penitente, Maria Maddalena de Pazzi), 1634, Galleria Nazionale d'Arte Antica, Roma

Lazzaro Baldi, La Madonna dona il velo della purezza a S. Maria Maddalena de’ Pazzi, 1669 circa

Anonimo, S. Maria Maddalena de Pazzi, XVII sec., Eremo carmelitano di S. Maria degli Angeli, S. Martino alla Palma

Agostino Melissi (attrib.), S. Agostino incide sul cuore di S. Maria Malddalena de' Pazzi, XVII sec., collezione privata


Juan de Valdés Leal, SS. Margherita de’ Pazzi, Agnese, Apollonia e Giovanna Scopelli (o beata Giovanna da Tolosa?), XVII sec., Chiesa del Carmelo Calzado, Cordova

Antonio Van de Pere, Visione di S. Maria Maddalena, che viene incoronata da Cristo e da Maria, 1670 circa, Santuario della Virgen del Carmen de PP Carmelitas, Medina del Campo

Pedro de Moya y Agüero, Visione di S. Maria Maddalena de Pazzi, 1640-74, Museo de Bellas Artes, Granada



Ciro Ferri, Vergine e santa Maria Maddalena dei Pazzi, 1684, Cappella Maggiore, Chiesa di S. Maria Maddalena de Pazzi, Firenze


Luca Giordano, La Vergine Maria presenta il Bambino Gesù a S. Maria Maddalena, 1685, Cappella Maggiore, Chiesa di S. Maria Maddalena de Pazzi, Firenze


Scuola di Carlo Maratti, S. Maria Maddalena de Pazzi, 1700, Accademia di S. Luca, Roma

Scuola di GD Sagrestani, S. Agostino scrive sul cuore della santa, 1700 circa

Giovanni Camillo Sagrestani, S. Maria Maddalena de' Pazzi, XVIII sec., museo diocesano, Arezzo

Alessandro Franchi, Estasi di S. Maria Maddalena, XIX sec., Seminario vescovile, Firenze